Progetto e Concorso nazionale Articolo 9 della Costituzione

La quinta edizione per l’a.s.  2016-17 del Progetto e Concorso nazionale Articolo 9 della Costituzione è promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca-Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per la valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo-Direzione generale Educazione e ricerca, con la collaborazione scientifica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (cnr) e in collaborazione con il Senato della Repubblica, la Camera dei deputati, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero della Difesa, il Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca del miur, la «Domenica» de «Il Sole 24 Ore».La rai è Main Media Partner dell’iniziativa e la copertura mediatica è stata declinata come Media Partner da radio3, rai Cultura e rai Italia.Tema della quinta edizione del Progetto e Concorso per l’anno scolastico 2016-17:

Cittadini partecipi della ricerca scientifica e tecnica

 Promuove nelle giovani generazioni  i principi della cittadinanza attiva e consapevole dell’importanza che ha lo sviluppo della conoscenza per le società del futuro, in particolare nell’ambito della ricerca scientifica e tecnica, espressamente richiamata dal principio costituzionale come un patrimonio da sviluppare.

L’iniziativa persegue inoltre i seguenti obiettivi:

  • sostenere la progettazione dei docenti, nell’ambito di “Cittadinanza e Costituzione” e delle diverse aree curricolari, attraverso modalità didattiche multidisciplinari, laboratoriali e per competenze;
  • promuovere la partecipazione attiva e l’iniziativa degli studenti, la motivazione e l’interesse, la rielaborazione delle conoscenze e lo sviluppo di competenze;
  • accrescere la conoscenza e promuovere la riscoperta della storia della scienza e della tecnica, e delle principali conquiste in rapporto al mondo contemporaneo;
  • sollecitare l’indagine da parte dei giovani, nei rispettivi territori, sia sulla storia della scienza e della tecnica, sia sui principali obiettivi dell’attuale ricerca scientifica e delle nuove tecnologie.

L’I.C. “Don Giulio Testa” con le classi terze della scuola primaria di Venafro e Sesto Campano ha liberamente utilizzato nelle proprie attività didattiche e di ricerca gli strumenti e le risorse messe a disposizione nelle varie fasi progettuali dell’Articolo 9 della Costituzione.

In tale contesto sono state proposte attività curriculari a scuola ed uscite didattiche sul territorio per stimolare gli alunni a cogliere i vari momenti dello sviluppo storico nello sfruttamento dell’acqua per la produzione di energia elettrica strettamente combinata, nell’antichità, con l’uso irriguo dell’acqua stessa.

In tal senso il percorso dell’uscita didattica “le vie dell’acqua”, realizzata con l’abile guida della Preside Scarabeo.

Prendendo il via presso l’antica centrale idroelettrica presente alle sorgenti del ruscello San Bartolomeo nella cittadina di Venafro, il percorso guidato ha fornito agli alunni l’occasione per osservare in modo attivo i sistemi di utilizzo dell’acqua ed il suo modificarsi  nel tempo.

Altro aspetto importante del progetto è stato lo studio degli insetti come patrimonio fondamentale della vita.

L’attività stimolo è stata proposta da alcune trasmissioni radio a tema seguite a scuola e realizzate da “radio 3” Rai, come Media Partner dell’”Articolo 9…” e di seguito sviluppate grazie alla collaborazione degli esperti del WWF e alla realizzazione dell’attività “Adotta un sentiero” promossa dall’oasi di Guardiaregia.

In questo ambito è stato poi realizzato il viaggio d’istruzione presso l’oasi WWF di Guardiaregia dove le guide, che precedentemente avevano preparato gli alunni coinvolti con attività a tema svolte a scuola,

 hanno realizzato attività didattiche e ludiche di esplorazione del territorio alla ricerca degli insetti nel loro ambiente.

Di tutto questo, gli alunni e noi insegnanti, lasciamo traccia anche con documentazione fotografica.

 

 

 

​La classe terza di Sesto Campano ha partecipato al progetto con due video, uno in lingua italiana e uno in lingua inglese. Gli elaborati s’innestano nell’attività programmata dello studio degli ecosistemi, affrontando dal punto di vista storico – ambientale il nostro ecosistema. Protagonista di tutto è l’oliva della Piana di Venafro, la quale produce un olio di particolar pregio, che negli anni si è adattata al nostro clima e terreno. Per capire come questi “adattamenti” avvengono in natura, abbiamo preso in considerazione gli studi fatti dal monaco boemo Mendel. È stato un lavoro che ha entusiasmato gli alunni i quali hanno realizzato i disegni e i testi. Buona visione!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: